REGISTRATI GRATIS ORA
IT | EN
REGISTRATI GRATIS ORA

Come conoscere l'indice di rotazione di magazzino

Posted by Giulia Trosino 12/09/18 11.25
Giulia Trosino

In qualità di proprietario di un eCommerce, dovresti sempre tenere presente che i clienti possono acquistare in ogni istante.  Di conseguenza conoscere l’indice di rotazione del tuo magazzino è davvero importante. 

Che cos'è la rotazione di magazzino?

In termini più semplici, la rotazione dell'inventario è il numero di volte in cui l'inventario viene utilizzato o venduto ripetutamente in un determinato periodo di tempo. Di solito è un anno, ma può variare in base alla tempistica e alle esigenze aziendali. Per dirla in altro modo, è il rapporto tra le vendite effettuate e l'inventario disponibile in magazzino. Il tasso di rotazione può essere calcolato a quantità fisiche o a valori.

Vediamo un esempio: se hai venduto 100 unità nell'anno e in media hai 100 unità a magazzino, il tuo indice di rotazione delle scorte è stato di 1: 1, di solito solo indicato come 1. Se, tuttavia, hai venduto un totale di 500 unità, e avevi ancora in media 100 unità in magazzino, il tuo indice di rotazione delle scorte sarebbe 5. Per ottenere ciò, è necessario aver acquistato un sacco di merce durante l'anno, probabilmente in più occasioni . Il tuo indice di rotazione delle scorte è solo un numero, ma fornisce una buona indicazione di quanto bene smaltisci i prodotti durante l'anno.

Una volta che hai il tuo rapporto, può essere confrontato con le medie del settore per vedere come la tua azienda sta performando. Se scopri di avere un basso indice di rotazione delle scorte, significa che hai scarse vendite e prodotti in eccesso in magazzino. Se invece si dispone di un elevato indice di rotazione delle scorte, ciò indica tendenzialmente grandi volumi di vendite. L'elevato volume d'affari suggerisce che stai vendendo rapidamente i prodotti, il che è un indicatore di buone prestazioni aziendali.

Come calcoli il tuo indice di rotazione delle scorte? Qual è la formula?

Per calcolare l'indice di rotazione dell'inventario, è necessario conoscere il costo dei beni venduti (COG) e il proprio inventario medio (AI).

Costo del venduto (COGS)

È possibile calcolare il COGS dal proprio gestionale di magazzino. Se si dispone di dichiarazioni di reddito settimanali o mensili, è possibile utilizzare anche questi numeri, sebbene il reddito annuale sia più comune e utile nel lungo periodo.

Per calcolare il costo del venduto dai tuoi bilanci all'inizio e alla fine del periodo di tempo designato:

COGS = Costo Inventario iniziale + Costo delle merci acquistate- Costo delle rimanenze finali

Se il costo delle esistenze iniziali era di 16000€, acquisto 70000€ di merce e termino il periodo con 7000€ di merce allora ho un costo del venduto di  79000€.

Inventario medio (AI)

Ecco la formula per l'inventario medio:

Inventario medio = (costo inventario iniziale + costo inventario rimanente) / 2

In altre parole, l'inventario medio è la media dell'inventario iniziale e l'inventario rimanente per il periodo designato.

Nel nostro esempio:

Inventario medio= (16000€ + 7000€) / 2 = 11500€

Ora è possibile calcolare il rapporto di rotazione dell'inventario dividendo il costo dei beni venduti per inventario medio.

Indice di rotazione del magazzino = Costo del venduto / costo dell’inventario medio

Per completare l'esempio di prima, COGS di 79000€ diviso per inventario medio di 11500€ dà:

Indice di rotazione del magazzino= 79000€ / 11500€ = 6,86

Quindi il rapporto di rotazione dell'inventario in questo esempio è circa 7.

Una volta che hai il tuo indice di rotazione del magazzino, sarai in grado di vedere come sta andando la tua attività.

Perché l'indice di rotazione di magazzino è importante?

Quindi, ora che hai i numeri con cui lavorare, ti stai chiedendo perché l'inventario diventa importante?

Il rapporto di rotazione delle scorte è importante per i seguenti motivi:

 

  • Ti dice quanto velocemente la tua azienda sta vendendo l'inventario
  • Può essere usato come un confronto accurato con le medie del settore. Questo ti consente di misurare i volumi di vendita della tua azienda e le prestazioni complessive contro il mercato più ampio.
  • Fornisce una delle misurazioni più critiche delle prestazioni aziendali complessive.
  • Ti offre informazioni chiare e preziose sul funzionamento interno della tua azienda, in particolare su come gestisce l'inventario, le vendite e i costi.

 

Quando hai un negozio fisico, è abbastanza semplice dire come stia andando la tua attività, conteggiando facilmente il numero di clienti che vedi e servi durante il giorno, così come lo stato del tuo registratore di cassa alla fine della giornata. Le aziende di e-commerce invece hanno maggiori difficoltà nel misurare il traffico e potrebbero non aver chiaro come stanno andando le vendite, le scorte e i costi.

Per queste ultime, l’indice di rotazione del magazzino è fondamentale.

Qual è il miglior rapporto di rotazione delle scorte?

Per molte aziende di e-commerce, il rapporto di rotazione dell'inventario ideale sta tra 4 e 6. Tutte le attività commerciali sono diverse, ovviamente, ma in generale un rapporto tra 4 e 6 di solito significa che la velocità con cui si riforniscono gli articoli è ben bilanciata con le vendite:

  • Non si esauriscono i prodotti quindi solitamente sei in grado di soddisfare la domanda dei clienti
  • Non hai molti prodotti invenduti che soffocano il tuo magazzino.

Cosa devo fare se ho un basso indice di rotazione del magazzino?

Un basso indice di rotazione delle scorte significa che alcuni prodotti nel tuo negozio non stanno vendendo. Hai speso soldi per prodotti che non ti danno un ritorno sull'investimento.

Quando ciò accade, può causare un sacco di problemi per la tua attività come elevati costi di archiviazione, prodotti che diventano vecchi, troppo capitale racchiuso nell'inventario.

Nel prossimo articolo vederemo insieme come affrontare questo caso e quali strategie utilizzare per risolvere questo problema.

Topics: ecommerce

Articoli Recenti